A scuola calcio con Adriano Bacconi, 400 allenatori e 4000 mila bambini coinvolti.

Il 16 aprile alle 18 presso l’Auditorium dell’Istituto I.S. “A.Pesenti” di Cascina in Via Aldo Moro 6 Adriano Bacconi, già preparatore atletico del Pisa di Anconetani e Lucescu, illustrerà il progetto alle società sportive del territorio.

L’obiettivo è quello di costituire a Pisa una scuola calcio innovativa, coinvolgendo le realtà scientifiche della città e valorizzando l’aspetto etico dello sport. Un percorso per mettere al centro del percorso formativo i bambini, perchè lo sport sia crescita atletica, psicomotoria e creativa  e non agonismo esasperato e precoce.

Il comunicato della Provincia di Pisa

La Provincia di Pisa d’intesa con i Comuni di Pisa, Cascina, Pontedera e Peccioli ha organizzato un incontro con tutti le società sportive del proprio territorio dotate di una scuola calcio. In questa occasione il Dott. Adriano Bacconi, noto presentatore televisivo, presenterà il progetto PISA SOCCER SCHOOL che nasce dalla consapevolezza dalla grave crisi che attanaglia il sistema calcio italiano e dalla volontà di cambiare questo stato di cose, a partire dall’attività di base.

Pisa, attraverso una grande patto sociale tra istituzioni locali, enti di ricerca, imprenditoria privata e società sportive può diventare un laboratorio di ricerca e innovazione per intraprendere un percorso virtuoso dal punto di vista etico e sportivo. Un messaggio rivolto soprattutto alle famiglie, visto che i loro figli saranno rimessi al centro del percorso formativo: creatività, divertimento e psicomotricità prenderanno il posto di agonismo, selezione e ruolizzazione precoci.

Gli obiettivi toccano vari ambiti:

1. FORMAZIONE
Una scuola di livello internazionale formerà allenatori/educatori altamente qualificati, in grado di lavorare in maniera coerente con una metodologia condivisa e tecnologie all’avanguardia.

2. SOCIALE
L’ambizione è di dare ai 4.000 bambini che giocano a calcio nella provincia di Pisa le stesse opportunità di crescita e agli allenatori che si qualificano attraverso un percorso meritocratico di avere più possibilità di lavoro nell’ambito sportivo.

3. SALUTE
Tutti i bambini saranno seguiti e monitorati periodicamente dal punto di vista medico e scientifico. La pratica sportiva, di impronta interdisciplinare, andrà di pari passo con la prevenzione e l’attezione ad uno stile di vita sano.

4. ISTRUZIONE
Si propone e persegue un sostanziale gemellaggio tra sport e scuola. Gli istruttori/educatori saranno invitati a fare lezioni nelle scuole elementari mentre per gli atleti evoluti sarà individuato un percorso accademico specifico con orari e materie personalizzati.