Errare è umano, perserverare è Luis Enrique, un allenatore veramente diabolico. Estremamente rigido nei suoi principi etici e tecnici, vuole il massimo dai suoi ma non è molto corrisposto nei fatti visto che i giocatori arrivano tardi agli appuntamenti… anche in campo. L’Atalanta è più reattiva e vince tutti i duelli leggendo prima e meglio le situazioni di gioco e arrivando di conseguenza sempre prima sulla palla.

Emblematiche le azioni illustrate a 90° e alla DS.