Il 18 dicembre la PSS è sbarcata in Sicilia. Grazie all’iniziativa di Michele Mallamace (responsabile dell’Accademia dello Sport) il metodo “Castello” è stato adottato all’interno delle iniziative correlate al progetto Football Academy. E’ stato solo l’antipasto di un ciclo di seminari che si svolgeranno a Palermo a partire da gennaio.

camoni

Matteo Camoni in azione durante l’Open Day

Matteo Camoni, esercitatore e tutor già presente ai corsi e agli eventi pisani, descrive le attività svolte nella struttura Quadrifoglio FC ai ragazzi delle categorie esordienti e giovanissimi:

Tengo in primo luogo a sottolineare l’importanza del passo compiuto in questi giorni a Palermo, sono solito dire che anche i più grandi viaggi iniziano con un piccolo passo e credo che questo sia quanto successo al centro sportivo “Il Quadrifoglio” grazie alla sapiente regia di Michele Mallamace. Questo piccolo/grande passo esprime la volontà di aggiornarsi, di condividere, di confrontarsi sul tema della formazione degli allenatori ed è stato per me un onore poter dare una piccola dimostrazione, teorica e pratica, dei principi e della filosofia che Massimo De Paoli ha sviluppato in circa 30 anni di carriera e studio – il metodo “Castello” – e colgo l’occasione per ringraziarlo pubblicamente per l’occasione concessami.

Dal punto di vista strettamente tecnico le due progressioni sviluppate sul campo e pensate per le categorie pulcini ed esordienti, hanno avuto una molteplicità di obiettivi:

  • cognitivo – è stato l’aspetto certamente più approfondito e curato perché uno dei cardini del Metodo. Questo obiettivo si è estrinsecato in due sottocategorie: trasmettere agli atleti la capacità di sapere riconoscere e visualizzare uno spazio ed abituarli a entrare e uscire dal medesimo.
  • Tecnico: dominio, conduzione e trasmissione palla.
  • Tattico: smarcamento, passaggio e tiro in porta (tattica individuale) – scaglionamento, penetrazione (tattica collettiva)
  • Motorio: cura dei diversi stili di corsa.

Queste progressioni sono state poi sviluppate grazie all’utilizzo di parole chiave [nello specifico le parole DENTRO/FUORI] comuni per le due categorie, ma inserite in due contesti diversi: uno più ludico e fiabesco (per la cetegoria pulcini), uno più di intensità e ritmo (per la categoria esordienti).

La cosa che più mi preme rimarcare è la passione con cui tutte le componenti di questa giornata si sono messe in gioco: i ragazzi con il loro sorriso, il loro impegno e la loro educazione, i genitori che hanno dato fiducia a questo progetto e tutto lo staff che sotto diverse forme a preso parte a questa giornata – e ai quali va il mio più sentito grazie.

Da ultimo vorrei ringraziare Adriano Bacconi per avere iniziato questo progetto a Pisa e per portarlo avanti con tanta passione e Michele come rappresentante di tutte le meravigliose persone che ho incontrato in questi due giorni, di cui non cito i nomi solo per non dimenticarne qualcuno: ho potuto sperimentare sulla mia pelle l’accoglienza, la cordialità ed il calore dell’ospitalità siciliana, vi ringrazio perché avete trasformato un’esperienza che pensavo esclusivamente professionale/calcistica in una esperienza di vita che non scorderò facilmente. Un grazie a tutti voi con l’augurio di incontrarci nuovamente molto presto“.