Francesca Angeleri, simpatica ed estrosa giornalista torinese, mi ha incontrato da Floris House, un locale di profumi, oggettistica, composizioni floreali più chic della capitale sabauda. Prosecchi e spizzichi vari hanno fatto da contorno ad una bella chicchierata che si è poi trasformata nel pezzo uscito questa mattina su La Stampa.

Un ritratto che devo dire la verità coglie delle veritas. Per introdurlo un foto che ho scattato qualche tempo fa correndo lungo il Po in corso Casale col mio Iphone… buona lettura!

PS a posteriori ho saputo che il finale è stato tagliato per futili motivi di impaginazione. Quello orginale era questo: “È un “ragazzo fortunato” come canta Jovanotti. Il giorno che si è sposato, il “volvone” bianco del suo testimone la sparava a tutto volume. E l’altra sera, al suo concerto, stretto sempre a Silvia, si è commosso. Di felicità“.

 

Da La Stampa del 18 dicembre 2011