ROMA RADAR PERFORMANCE 5,5

La Roma è disunita, distanze lunghe tra i reparti, troppa ricerca della soluzione personale (Empatia 5). Manca inoltre la giusta attenzione soprattutto nella fase di transizione (Concentrazione 6), ma soprattutto manca il passo per reggere la velocità di Di Vaio (Forza 5) e un ritmo in grado di mettere in difficoltà il bunker del Bologna (intensità 5).

Roma Radar Performance 5,5

DIFESA – STEKELEMBURG RADAR PERFORMANCE 6,9

Il portierone olandese salva la Roma in almeno 4 situazioni disperate con parate a uscite spericolate (Qualità 7) in un duello praticamente lungo 90′ con Di Vaio. E’ reattivo (Forza 7) e lucido (Concentrazione 8) e da solo tiene a galla la zattera giallorossa.

Stekelemburg Radar Performance 6,9

CENTROCAMPO – PJANIC RADAR PERFORMANCE 6,1

Il motorino francese si salva dal caos per una innata capacità di mettersi sempre a disposizione dei compagni (Empatia 6,5) grazie al suo dinamismo e alla sua duttilità e grazie, soprattutto, alla perfetta trasformazione del calcio piazzato che ha rimesso sui binari la Roma (Qualità 6,5). E’ mancata anche a lui la necessaria intensità (5,5).

Pjanic Radar Performance 6,1

ATTACCO – TOTTI RADAR PERFORMANCE 6

Tutti poligoni un pò piccoli quelli dei giallorossi. Il capitano conquista però la sufficienza per la caparbietà (Concentrazione 6) e la qualità (7) che essendo nel suo DNA mette sempre in campo a prescindere dagli eventi contingenti.