Due argentini del nuovo ciclo giallorosso stanno venendo fuori prepotentemente in questo scorcio di stagione, stiamo parlando di Fernando Gago ed Erik Lamela.

Il primo, ex Boca e Real Madrid, è stato la vera novità tattica della partita di Novara. Luis Enrique lo ha messo davanti alla difesa al posto di De Rossi, utilizzato per più di un’ora come interno destro. Due le ricadute positive: una costruzione del gioco più veloce ed essenziale, da una parte, ed una grande aggressività nel recupero palla, dall’altra. Così abbiamo visto un’altra volta la Roma segnare con una transizione alta (come era successo recentemente nel derby e contro il Palermo).

Veniamo a Lamela, proveniente dal River Plate. Ha giocato inizialmente come seconda punta, e negli ultimi 20′ come trequartista. In entrambi i casi ha fatto vedere le sue potenzialità: scatto bruciante, dribbling nello stretto con la palla incollata al piede, utilizzo di tutta la superficie del sul mancino vellutato (pianta, interno, esterno). Manca ancora qualcosina in continuità ed efficacia ma non ci scordiamo che stiamo parlando di un ragazzo del 92!