E’ crollato anche l’ultimo alibi. Il Palermo che finora aveva giocato in trasferta contro le squadre di prima fascia (perdendo sempre) si blocca anche a Parma, dimostrando che il problema non è l’avversario ma il proprio approccio alle partite fuori dalle mura amiche.

Mangia dovrà lavorare sull’identità di gioco della sua squadra e sulla personalità di alcuni interpreti (Ilicic in primis) per dare continuità di rendimento, e quindi di risultati, al Palermo così come vorrebbe il suo focoso presidente.

Fotografato accanto a Roberto Baggio sulle tribune di Zingonia mentre osservava l’allenamento dell’Atalanta (insieme a tutti gli studenti del corso Master di Coverciano), il tecnico rosanero avrà chiesto al Divin Codino qualche consiglio su come far rendere al massimo il suo trequartista?