Tra i tanti preziosi incontri chi ho fatto a Bergamo nell’ambito della giornata dedicata a Yara un angolo particolarmente significativo è stato quello del CAI che era presente con una Antonella Ponte e con un gruppo di suoi allievi. Si è parlato dei valori della montagna: la condivisione della fatica, la gioa di raggiungere una meta, il godere dei paesaggi naturali, l’imparare a muoversi in sicurezza… ancora una volta lo sport come maestro di vita.

Adriano Bacconi con Antonella Ponti del CAI di Bergamo