Per porre le vostre domande utilizzate il modulo presente in questa pagina:  http://www.adrianobacconi.it/corrispondenza/

 

Ciao Adriano,
volevo porti una domanda. L’altro giorno ho letto un intervista del tecnico Fascetti su tuttojuve, in questa intervista lui ha dichiarato che se gli attaccanti juventini non riescono a segnare è tutta colpa di Conte. Infatti secondo Fascetti, sbaglia Conte a fare tornare troppo i suoi tre attaccanti, facendo in questo modo e normali che davanti alla porta siano troppo stanchi e sbagliano.
Io credo che il gioco della juventus sia sottoposto ad un enorme sforzo fisico che ha un autonomia di 60 min , e che negli ultimi trenta ci si occupi solo alla gestione del risultato. Purtroppo non è ancora arrivato a questo livello perché secondo me ci vuole ancora tempo, ma credo che le dichiarazioni di Fascetti non siano del tutto fuori luogo. Premetto che io da tifoso juventino sono soddisfatto del operato di Conte e credo che col tempo sarà una grande squadra. Tu che ne pensi?
Un saluto

Dario

Secondo me la Juventus è la vera novità tattica dell’anno, soprattutto quando ha giocato col 4-3-3. L’intensità del gioco che ha espresso in molte partite è frutto di un grande lavoro mentale prima che fisico e tecnico. E’ normale che siano momenti della gara in cui può calare di ritmo. In quei momenti deve migliorare la gestione della fase di non possesso palla. Per me il modo di giocare di Conte aiuta gli attaccanti non li penalizza. Il problema è la mancanza di un vero realizzatore (alla Trezeguet per intendersi).

 

Marchisio il vero problema della juve, perche gioca sempre?

TAREK
tarek.aboub@gmail.com

Non penso proprio che Marchisio possa essere per la Juve un problema, altrimenti non giocherebbe sempre. Conte ha bisogno di giocatori così che sanno coprire tanto campo, pressare alto, raddoppiare basso e sfruttare bene la fase di transizione. Oltre a tutto questo Marchisio sa buttarsi negli spazi come pochi altri in Italia e ha buoni fondamentali. Insomma è un giocatore moderno adatto al gioco della Juve anche perchè molto complementare alle caratteristiche di Pirlo. E’ vero che ha avuto un calo di prestativo nel girone di ritorno, a mio avviso dovuto anche al fatto che nel 3-5-2 aveva meno spazio per inserirsi senza palla.

 

l Psg è, per caratteristiche, la squadra meno francese della ligue 1. E’ troppo sbilanciata in avanti e fa enorme fatica nella fase difensiva. Magari osservando altre partite, ti renderai conto che di aggressività e di intensità, il calcio francese ne è invece piuttosto ricco. Per le individualità, se oltre al Rennes ti capita di vedere il Montpellier, dai un’occhiata a Belhanda: è un fenomeno! 

Giuseppe Colucci

La mia visita a PSG e Rennes era incentrata soprattutto sui settori giovanili e devo dirti che se da un certo punto di vista sono molto evoluti (rapporto con la scuola, organizzazione interna,  professionalità degli allenatori, principi sociali ed educativi), dal punto di vista metodologico ho trovato una certa arretratezza. Secondo me pagano un certo retaggio culturale legato alla mancanza di agonismo nelle categorie giovanili e alla ricerca eccessiva della fisicità a discapito della ricerca proprio dell’intensità di gioco attraverso le connessioni più strette tra giocatori da ricerca attraverso un lavoro alla base sull’aspetto cognitivo. E’ vero che si sono buoni giocatori ma non top player.