Per porre le vostre domande utilizzate il modulo presente in questa pagina:  http://www.adrianobacconi.it/corrispondenza/

 

Ciao Adriano, il software da te utilizzato è in grado di stabilire anche chi sia il giocatore più rapido e quello più veloce in circolazione? Ad occhio nudo credo che Messi sia il numero uno nella prima categoria, mentre sull’allungo penso che sia una bella lotta tra Tello e Bale! Mi piacerebbe sapere una tua opinione in proposito. Grazie

giuseppe doctorjay

Il software utilizzato nella Champions League riesce a rilevare anche i dati atletici dei giocatori, per cui distanze percorse, velocità media e di punta, numero di sprint, ecc… Ad esempio nella stagione scorsa il top sprint l’ha fatto Oliech dell’Auxerre, nella gara con il Real Madrid. Gli stessi dati invece non sono rilevati sul campionato. Purtroppo sono in mobilità per cui non posso toglierti la tua curiosità sarà per un’altra volta. Comunque Bale non è, nello stretto, un fulmine come i due del Barcellona ma senz’altro è incredibile nella progressione lunga.

 

La domanda e’ : perche’ Conte ha sperimentato variando moduli e interpreti nelle precedenti partite?

Glenn Miller

Conte ha capito presto (dopo poche giornate) che il 4-3-3 era la formula che gli garantiva il migliore gioco d’attacco ma col passare delle giornate ha visto che subiva troppe ripartenze per cui ha pensato di creare maggior densità in mezzo al campo costruendo un centrocampo a 5. Tra l’altro col 3-5-2 risolveva anche il problema di dove mettere Chiellini. In questo modo però ha perso di brillantezza davanti fino a non riuscire quasi più a segnare. Da qui la decisione di ritornare al 4-3-3.

 

Ciao adriano, io penso che la juve oltre a puntellare difesa e centrocampo, senza fare follie, la follia la debba fare per il bomber, cosi il gioco di conte, che fornisce diverse palle alle punte, sarebbe finalmente finalizzato……..se cosi fosse quest’anno sarebbe prima.che ne dici?

Marco

Sicuramente il problema della capacità realizzativa è stato spesso il vero tallone d’Achille della squadra di Conte. Un top player nel reparto avanzato avrebbe garantito sicuramente qualche gol in più e quindi qualche punto che avrebbe fatto fare la differenza in classifica. Ma la Juve si è resa conto troppo tardi di non essere più in emergenza, che la fase di ricostruzione era finita, che non c’era più bisogno di comprare tanti buoni giocatori ma bastava sfoltire la rosa e puntare su pochissimi elementi in grado di fare la differenza. Sarà la logica del prossimo calciomercato bianconero.

 

Sono un tifoso della fiorentina e un grande fan di cerci e mi sembra sprecato in panchina. E’ vero che ci sono stati dei motivi disciplinari che lo hanno portato da metà novembre ai margini della squadra, però credo che possa essere un grosso valore aggiunto. Data la scarsa vena realizzativa di Amauri secondo lei da un punto di vista tecnico-tattico con progettualità degli schemi adottata da delio rossi è possibile la convivenza in fase offensiva di vargas-cerci-amauri-jovetic. Grazie

 Gabriele Bruscoli

La formula che proponi mi sembra molto azzardata, specialmente per una squadra che non ha grande fiducia in se stessa come è la fiorentina in questo momento. Tra l’altro sono tutti giocatori propensi ad andare e a non rientrare e che hanno tutti nel loro recente passato lunghi periodi di inattività. Detto questo anch’io sono un estimatore di Cerci. L’ho visto giocate come esterno destro  nel 4-2-4 del Pisa di Ventura ed era un giocatore devastante. Ma era una squadra con tanta corsa e tanto entusiasmo e comunque in serie B.