Lui Enrique preferisce la velocità di Borini alla tecnica di Lamela, una scelta, che non sarà definitiva ma che nel contingente serve alla Roma per cambiare passo.