Girone C

IRLANDA-CROAZIA 1-3

0-1 Mandzukic 3. min. Colpo di testa – Assist: Srna , Cross

1-1 St. Ledger 19. min. Colpo di testa – Assist: McGeady , Punizione

1-2 Jelavic 43. min. Destro –

1-3 Mandzukic 49. min. Colpo di testa – Assist: Perisic , Cross

Irlanda: Età 11 iniziale: 29,9 anni – Valore di mercato: € 4.068.182 

Croazia: Età 11 iniziale: 26,6 anni  – Valore di mercato €  9.681.818

L’Irlanda del Trap non trova le contromosse al gioco fisico e aggressivo dei croati ed è quasi fuori da Euro 2012. La velocità degli esterni Srna e Perisic hanno annichilito la macchinosa difesa predisposta dal tecnico milanese. Anche il bravo Given ha dovuto arrendersi alle continue scorribande di Mandzukic e Jelavic veramente due attaccanti tarantolati.

Scolastiche le disposizioni tattiche entrambe disegnate secondo il 4-4-2 ma decisamente più competitiva la squadra di Bilic che rinuncia alla costruzione da dietro per andare dritto per dritto nel cuore della metà campo avversaria con lanci del portiere e cambi di gioco.

Modric, vero asso nella manica, entra in pista sulle seconde palle e fa la differenza sul piano tecnico con cambi di gioco, passaggi filtranti e spunti individuali.

E’ vero che il secondo gol è viziato da offside di partenza, ma la differenza in campo tra i due undici è comunque troppo grande. L’Italia dovrà mettersi l’elmetto ed essere pronta a cambiare specialità. Dal fioretto degli spagnoli di passa alla sciabola dei croati e sarà battaglia vera.