Quando Adriano Bacconi faceva il preparatore atletico del Brescia, ai tempi di Lucescu e Hagi, Fabio Corioni era poco più di un ragazzo, eppure l’empatia tra i due è sempre stata alta, tanto che ieri quando si sono incontrati nuovamente nella sede della Saniplast l’intesa è stata subito perfetta. L’obiettivo dell’incontro era condividere e raccordare due progetti che hanno valori e obiettivi abbastanza simili: Pisa Soccer School e Punti Brescia.

Nel sito dei Punti Brescia Fabio Corioni, Presidente del Settore Giovanile delle Rondinelle, dichiara: “l’importanza del “Progetto Punti Brescia” nasce dalla ferma convinzione che lo sviluppo di un calcio vicino ai valori etici dello sport non possa prescindere da una valorizzazione dei giovani che rappresentano il nostro patrimonio per il futuro. Da questa idea, ha luogo la sentita necessità di porre particolare attenzione alla crescita dei nostri giovani e dunque la volontà di costruire una realtà solida che rappresenti un punto di riferimento per il nostro territorio“. Intenti vicini se non sovrapponibili a quelli che la PSS sta perseguendo a Pisa.

 

Adriano Bacconi e Fabio Corioni insieme a Brescia

La proposta lanciata da Bacconi è quella di trasportare il progetto Pisa anche nel capoluogo lombardo creando quindi una struttura formativa che leghi i club dilettantistici del territorio al Brescia Calcio tramite un progetto che coinvolga le diverse anime della città (enti locali, università, ecc…), senza sottovalutare l’importanza della comunicazione verso le famiglie.

Massimo De Paoli, già responsabile sia dei Punti Brescia che della Scuola di formazione pisana, diventerebbe il naturale trait d’union tra le due realtà. L’intesa potrebbe non essere troppo lontana.